Ritmo dell'industria n°2 (Vinile giallo) VM
cover of article Stil: Library Music
Side A
1.Dialogando
2.Circolazione
3.Numero uno
4.Basso regime
5.Vie motrici

Side B
1.Escursione
2.Transizione
3.Riproduzione
4.Cantiere
5.Moto Blues

WG Image LP CHF 43.10

Bemerkungen

Ristampa 2023

Sul finire degli anni ’60 in ambito musicale in Italia – ma anche all’estero, specialmente in Francia e Inghilterra – cominciò a diffondersi un filone molto particolare, quello noto come ‘Library music’ o delle ‘sonorizzazioni’: come suggerito da tali espressioni, si trattava di biblioteche musicali destinate all’accompagnamento di produzioni audiovisive come programmi televisivi, pubblicità, documentari e film. Trattandosi di opere realizzate in totale libertà artistica, sono spesso difficili se non impossibili da catalogare, in quanto non ancorate a uno specifico genere musicale; tale libertà inoltre permise agli autori di comporre, talvolta nel più completo anonimato, musiche sperimentali e avanguardistiche, capaci anche di anticipare delle sonorità che solo molti anni dopo sarebbero state diffuse su larga scala.

Alessandro Alessandroni è noto ai più per il suo inconfondibile fischio presente nelle colonne sonore composte da Ennio Morricone per i western di Sergio Leone ma, in un mondo in cui l’informazione è facilmente accessibile per moltissime persone, ancora pochi sanno quanto sia sterminata la sua discografia e quanti strumenti fosse in grado di suonare. “Ritmo dell’industria n. 2”, pubblicato nel 1969 nel circuito delle library music – e di conseguenza oggi pressoché introvabile nella sua versione originale se non a cifre elevatissime – può a tutti gli effetti essere considerato come il suo primo album solista. Il titolo è ingannevole, dato che tra le note di questo disco l’unico vago riferimento a un ritmo industriale è la ripetitività quasi ipnotica di certi passaggi musicali su cui si sviluppano poi i brani: le atmosfere però sono più metropolitane, misteriose, a tratti dissonanti, più facilmente abbinabili a un contesto poliziesco/thriller più che industriale; ciò non toglie che il fascino di queste composizioni sia rimasto intatto fino ai giorni nostri.

“Ritmo dell’industria N. 2” è parte di una serie di ristampe, realizzate in collaborazione con Edizioni Leonardi di Milano, di rarissimi LP di sonorizzazioni pubblicati tra la fine degli anni ’60 e i primi anni ’70 e in larga parte mai ristampati fino ad oggi e che finalmente tornano disponibili per collezionisti e appassionati di library music.