Murubutu - Tenebra è la notte e altri racconti di buio e crepuscoli

14.02.2019

Questo nuovo disco è il quinto tributo di Murubutu al connubio fra musica rap e letteratura nonché il mio terzo concept album. I brani che lo compongono hanno tutti un comun denominatore: la notte. La notte come realtà parallela che trasforma magicamente i luoghi su cui cala mutandone i contorni, i colori ma anche le percezioni, i comportamenti e i sentimenti delle persone che la vivono. La notte come momento di riposo o tormento, ora sogno, ora incubo. La notte come continua metamorfosi soggetto-oggetto che assume facce diverse in un ciclo continuo. La notte è davvero solo momento negativo funzionale al divenire illusorio dietro cui si cela l’Essere perenne di Parmenide? Nell’album la notte si fa medium narrativo attraverso cui raccontare fenomeni complessi come la guerra, la solitudine, il lutto ma anche il fascino della natura, l’ispirazione artistica, l’amore. Il titolo che parafrasa la celebre opera di Fitzgerald allude alla notte come catalizzatore di paure e speranze in cui l’individuo vive più che mai il confronto con se stesso.

>> Video "La notte di San Lorenzo"

>> Video "La vita dopo la notte"

Euforia

14.02.2019

di Valeria Golino

con Riccardo Scamarcio, Valerio Mastandrea, Isabella Ferrari, Valentina Cervi, Jasmine Trinca

Matteo (Riccardo Scamarcio) è un giovane imprenditore di successo, spregiudicato, affascinante e dinamico. Suo fratello Ettore (Valerio Mastandrea) vive ancora nella piccola cittadina di provincia dove entrambi sono nati e insegna alle scuole medie. È un uomo cauto, integro, che per non sbagliare si è sempre tenuto un passo indietro, nell’ombra. Sono due persone all’apparenza lontanissime. La vita però li obbliga a riavvicinarsi e una situazione difficile diventa per i due fratelli l’occasione per conoscersi e scoprirsi, in un vortice di fragilità ed euforia.

>> Trailer

Achille Tarallo

14.02.2019

di Antonio Capuano

con Biagio Izzo, Ascanio Celestini, Tony Tammaro

Achille Tarallo è un autista di autobus, marito e padre, ma sogna una vita diversa e di diventare famoso come Fred Bongusto. Insieme al suo amico Cafè canta, con scarso talento, ai matrimoni che gli procura il sedicente impresario Pennabic, proponendo un repertorio detto 'Tamarro Italiano'. Achille, Cafè e Pennabic sono tre disgraziati, tre poveri diavoli, che vivono in un quartiere popolare di Napoli dove colori e folklore diventano il fondale e i co-protagonisti della storia. Ma un giorno per Achille arriva l'imperdibile occasione per evadere e cambiare la sua vita...

>> Trailer

Squadra Antimafia - Il ritorno del Boss - Stagione 8

14.02.2019

di Renato De Maria, Samad Zarmandili

con Giulio Berruti, Daniela Marra, Dino Abbrescia, Silvia D'Amico, Davide Iacopini, Ennio Fantastichini

Con l'arrivo in Italia di un misterioso personaggio, il boss Reitani (un grande Ennio Fantastichini in una delle sue ultime interpretazioni), i membri della squadra Duomo dovranno dividersi tra un lavoro che non lascia respiro e la ricerca di qualche momento di serenità. Una nuova squadra Duomo, un inquietante antagonista tornato dal passato, un'altra lotta senza tregua: Squadra Antimafia torna con molte novità, ma con la promessa di regalare ancora le stesse emozioni che hanno reso la serie un appuntamento imperdibile per milioni di fan.

Brunori Sas - La vita pensata e la vissuta

14.02.2019

di Ambrosia J.S. Imbornone

La vita pensata e la vita vissuta, i desideri e le insoddisfazioni, i progetti e le esitazioni sono alcune delle dicotomie principali presenti nelle canzoni di Dario Brunori, intorno a cui ne ruotano molte altre: istinto-ragione, tempi interiori lunghi-frenesia contemporanea, Sud-Nord, Lamezia-Milano, valori rocciosi senza tempo-modernità liquida, profondità-leggerezza, idealismo-realismo. I suoi dischi cantano la normalità e il quotidiano, così come uno slancio quasi utopico verso il cambiamento e il superamento di ciò che è dato: se non basta scrivere canzoni per «dare al mondo una sistemata», la musica può comunque combattere la tentazione di arrendersi passivamente al presente e raccontare di contro la possibilità di agire e intervenire nel mondo, operando un cambiamento, purché ognuno parta da sé stesso. Brunori non punta mai il dito contro i difetti degli altri, ma osserva in sé il rischio dell’indifferenza, della superficialità, della possessività o della disperazione. In una dialettica tra dentro e fuori, narra istantanee della sua vita vissuta, così come esce dalla rassicurante dimensione privata e casalinga per osservare la società. In questo libro si analizza il percorso musicale del cantautore calabrese tra suoni minimali e arrangiamenti più elaborati, dimensione acustica e orchestrale, tra il calore del suono di strumenti tradizionali e tocchi più algidi di sonorità elettroniche e metropolitane, tra una leggerezza divertita e argomenti importanti (lavoro, famiglia, fede, ecc.), i drammi giornalieri dei poveri cristi e la necessità di stemperare ogni tristezza con il sorriso bonario dell’ironia, o con la levità ora giocosa ora incantata della musica. Tutta la carriera del cantautore tra primi pezzi e collaborazioni, dischi e tour, racconti, articoli e spettacoli teatrali, cinema e tv, recensioni e riconoscimenti.

Ministri - Suoniamo per non lavorare mai

14.02.2019

di Gabriele Palumbo

I Ministri erano tre ragazzini tra i banchi del liceo Berchet di Milano. Il preside forse ancora li aspetta. In cortile però non si può più fumare. In cantina ora c’è una sala prove e digitando Ministri su Google escono prima loro di quelli che stanno al governo. Davide, voce e basso, è rimasto fedele a Porta Romana, dalle aule al terzo piano vede casa. Federico, penna e chitarra, che avrebbe preferito fare Scuola di fumetto, è cresciuto in Piazzale Susa. Michele, il batterista, in corso Lodi. Conoscersi era una probabilità geografica. Anni in giro da band emergente, le canzoni su Myspace, le cover, cercandosi le prime date da soli o partecipando a concorsi dall’affidabilità discutibile, fino ad arrivare alla prima etichetta e a quel primo disco con l’euro in copertina. Iniziano ad affermarsi alcune delle caratteristiche che diventeranno punto di riferimento per i fan e per gli stessi Ministri: le giacche e le locandine. Ma soprattutto iniziano ad affermarsi i loro valori, il loro non venire a patti con la decadenza morale e l’omologazione, il loro racconto crudo di quello che succede dentro di noi e intorno a noi. Tutto questo con testi criptici, pregni di metafore, ma che scivolano via come la poesia più lineare che esista. Si crea così, live dopo live, una stretta empatia col pubblico, un pubblico che pian piano cresce e urla a ogni canzone la propria disillusione, sentendosi capito, libero. Ecco arrivare le prime soddisfazioni, dalla radio ai sold out nei più grandi live club d’Italia, dalle major al passaggio su Blob, ma, soprattutto, ecco come una rock band è riuscita a ritagliarsi un importante tassello nella storia della musica italiana.

Sanremo 2019

06.02.2019

Compilation ufficiale:
L'unica compilation con tutte le 24 canzoni del Festival di Sanremo in un doppio CD (e doppio LP)

Album di inediti:
Arisa, Anna Tatangelo, Patty Pravo, Ex-Otago, Livio Cori, Federica Carta, Einar, Il Volo, Francesco Renga, Paola Turci, Mahmood

Riedizioni:
Irama, Loredana Bertè, Boomdabash, Shade, Enrico Nigiotti

Antologie:
Simone Cristicchi, Negrita, Zen Circus, Briga

45 giri:
Nek, Paola Turci, Irama, Shade & Federica Carta

 

>> Playlist su YouTube di tutte le esibizioni della prima serata

 

Massimo Volume - Il nuotatore

05.02.2019

Diversi da tutto, fedeli solo a loro stessi e a quell’idea di unicità che fin dagli esordi ha scandito tutti i loro passi e reso ogni loro nuovo disco un’esperienza intensa e mai ripetitiva. Con 'Il nuotatore', per la prima volta nella loro storia discografica, i Massimo Volume diventano un trio formato solo dal nucleo storico della band (Egle Sommacal, Emidio Clementi e Vittoria Burattini) e confezionano un album che scava proprio nell’essenza del loro suono, mai così volutamente scarno, minimale, eppure molto caldo e pieno, grazie anche alla produzione di Giacomo Fiorenza. Tutto quello che si ascolta è stato realizzato con la voce, il basso, la batteria e le chitarre (tante chitarre). Non c’è l’ausilio dell’elettronica, non ci sono sintetizzatori o tastiere, nessun trucco.

>> Playlist su YouTube

Marian Trapassi - Bianco

05.02.2019

'Bianco', il nuovo album di inediti della cantautrice Marian Trapassi, è un racconto di storie universali, che parlano attraverso metafore della vita e delle sue sfaccettature, e personali, cioè di momenti molto intimi, in cui la cantautrice si racconta. 'Bianco' segna un nuovo capitolo nella carriera artistica della cantautrice siciliana, ma milanese d’adozione: si distacca dai precedenti lavori e si impone con uno stile preciso e omogeneo, che va dal jazz, al blues, al folk, con 12 brani eleganti e raffinati negli arrangiamenti e nella scrittura. Musicalmente, l’album si ispira ai moderni chansonnier francesi e alle grandi cantautrici italiane e americane.

>> Playlist su YouTube

>> Video "Futuro"

L'amica geniale - Stagione 1

01.02.2019

di Saverio Costanzo

con Ludovica Nasti, Elisa del Genio, Gaia Girace, Margherita Mazzucco

Tratto dal romanzo di Elena Ferrante

Quando l’amica più importante della sua vita sembra essere scomparsa senza lasciar traccia, Elena Greco, una donna anziana che vive in una casa piena di libri, accende il computer e inizia a scrivere la storia sua e di Lila, la storia di un’amicizia nata sui banchi di scuola negli anni 50. Ambientato in una Napoli pericolosa e affascinante, inizia così un racconto che copre oltre sessant’anni di vita e che tenta di svelare il mistero di Lila, l’amica geniale di Elena, la sua migliore amica, la sua peggiore nemica.

Perduti nei quartieri spagnoli

31.01.2019

di Heddi Goodrich

Una ragazza americana a Napoli, ma non una delle tante. Heddi, studentessa di glottologia all'Istituto Universitario Orientale, non è venuta per un rapido giro nel folclore, ma per un'immersione che la porta ad avere della città, della lingua, del dialetto una conoscenza profonda, impressionante, che nasce dall'empatia, da un bisogno di radicamento e dall'entusiasmo della giovinezza.

Questo romanzo, scritto in un italiano letterario di rara bellezza, tanto più sorprendente considerando che l'autrice è di madrelingua inglese, è una doppia storia d'amore: per una città e per un giovane uomo. Pietro è studente di geologia, figlio di una famiglia contadina della provincia di Avellino, gente avvinta alla terra da un legame ostinato, arcaico. A Napoli, benché il suo paese sia distante solo cento chilometri, Pietro è straniero tanto quanto Heddi.

Idda

31.01.2019

di Michela Marzano

Un appassionato romanzo sull'identità, la memoria, la potenza carsica delle relazioni. Michela Marzano ci consegna il ritratto indimenticabile di due donne che, pur appartenendo a mondi diversi e lontani, trovano inaspettatamente l'una nell'altra ciò che avevano perduto.

Il censimento dei radical chic

31.01.2019

di Giacomo Papi

In un’Italia ribaltata – eppure estremamente familiare –, le complicazioni del pensiero e della parola sono diventate segno di corruzione e malafede, un trucco delle élite per ingannare il popolo, il quale, in mancanza di qualcosa in cui sperare, si dà a scoppi di rabbia e applausi liberatori, insulti via web e bastonate, in un’ininterrotta caccia alle streghe: i clandestini per cominciare, poi i rom, quindi i raccomandati e gli omosessuali. Adesso tocca agli intellettuali...

Attraverso i suoi occhi, facendo scattare come una tagliola il meccanismo del più affilato straniamento letterario, Giacomo Papi ci costringe a vedere, più che il futuro prossimo, il nostro sobbollente presente. Con spietata intelligenza e irrefrenabili risate.

#Valespo

31.01.2019

di Valerio Mazzei e Sespo

Valerio Mazzei ed Edoardo Esposito (Sespo) sono due ragazzi di Roma, noti per i loro vlog e pranks. nel giro di poco sono diventati amici inseparabili, al punto che si sono trasferiti insieme a Milano dove continuano ad occuparsi di web con crescente successo. Nell’ultimo anno la loro crescita su YouTube è stata esponenziale, e adesso sono considerati a pieno titolo due dei personaggi più seguiti e stimati del web. L’amicizia tra Valerio e Sespo continua e si rafforza tra le pagine di questo libro scritto a quattro mani, nel quale i due ragazzi raccontano le loro vite, il loro rapporto, il modo in cui YouTube ha cambiato le loro esistenze e molto altro ancora.

Sono io Amleto

31.01.2019

di Achille Lauro

Dentro 'Sono io Amleto' c’è tutto l’immaginario di Achille Lauro: un mondo lirico e non convenzionale, le lucide visioni di un’anima forgiata dalla solitudine, dalla strada, dalle droghe. Come tutta la sua produzione, anche questo libro è una prova di creatività che non si lascia intrappolare in nessun modello, e non segue nessuna regola. Con il suo modo unico di usare la parola e lungo inconsueti percorsi narrativi, Lauro ci guida in un viaggio psichedelico, visionario, malinconico e poetico.

Freddie Mercury - I Will Rock You. La biografia definita

31.01.2019

di Lesley-Ann Jones

In questa eccezionale biografia la giornalista musicale Lesley-Ann Jones, fin dai primi anni Ottanta a stretto contatto con i Queen e il loro entourage, scandaglia la storia del rocker, sfrondando chiacchiere e pettegolezzi per portare alla luce la personalità di un individuo timido e affascinante, deciso a sperimentare ogni eccesso - compresi quelli che gli abbrevieranno drammaticamente la vita - pur di esprimersi.

Nessun'altra biografia può vantare un accesso diretto a così tante figure chiave, tra cui amanti, famigliari, amici, dirigenti, musicisti, addetti stampa, fotografi e produttori. Il ritratto definitivo di una delle figure più complesse e amate dei nostri tempi in un libro intenso e profondo: la miglior celebrazione del mito Freddie, che racconta l'artista e rivela l'uomo.

Dimartino - Afrodite

30.01.2019

“Afrodite” è un disco che segna un scatto in avanti in Dimartino, la conquista di una nuova dimensione personale e autorale. La prima è legata alla paternità, a quella figlia che gli ha fatto capire che “tutto questo amore / sono sincero, no / io non l’avevo previsto”, come canta in “Feste Comandate” una delle canzoni più delicate e insieme intense del disco. La crescita autorale è invece legata a un lavoro di produzione e cura delle canzoni che non ha precedenti nella carriera del cantautore palermitano, grazie alla collaborazione con Matteo Cantaluppi.

>> Playlist su YouTube

>> Video "Giorni buoni"

Tre Allegri Ragazzi Morti - Sindacato dei sogni

30.01.2019

Omaggio già nel titolo al rock psichedelico ('Sindacato dei sogni' è la traduzione di The Dream Syndicate, il gruppo californiano massimo esponente del movimento musicale paisley underground) il nuovo disco dei Tre Allegri Ragazzi Morti, che sembra a primo ascolto un ritorno al sound originale del gruppo, contiene molte dolcissime novità. Il ritorno al rock è evidente e la vena psichedelica, filo conduttore del lavoro, nasce dalle giornate passate a registrare ed ascoltare musica nell’accogliente cucina dell’Outside Inside Studio, giornate intense che hanno in breve rafforzato la linea musicale del lavoro. Television, Dream Syndicate, Grateful Dead, presenti costantemente nelle discussioni attorno ai brani, e ancora Neu!, Can, Kraftwerk. No musica italiana. Poca musica dell’ultima ora.

>> Playlist su YouTube

>> Video "C'era un ragazzo che come me non assomigliava a nessuno"

Mòn - Guadalupe

30.01.2019

Quello dei Mòn è un patchwork variopinto di suggestioni e armonie. Il loro è un sound tipicamente internazionale, frutto di una caleidoscopica ricerca che a dispetto della giovanissima età lascia intravedere gli echi dei loro pregevoli ascolti (da Bon Iver a Beirut a Mùm pe arrivare anche a Fela Kuti). Attraverso i diversi mondi musicali da cui provengono, i cinque componenti della band hanno dato vita ad un proprio equilibrio, all'interno del quale valvole, synth, effetti analogici e ritmiche incalzanti si contrappongono a linee vocali malinconiche e intimiste di matrice folk.

>> Playlist su YouTube

>> Video "IX"

Johnny DalBasso - Cannonball

30.01.2019

Johnny DalBasso è il micidiale protagonista di una delle one-man-band più incendiarie in circolazione, un personaggio istrionico e imprevedibile salito alla ribalta soprattutto grazie agli innumerevoli concerti lungo lo Stivale, esibizioni che lo hanno incoronato tra i più convincenti performer nostrani. È un disco suddivisibile in due parti: si apre con la rumorosa overture “It’s Over” e scorre come un treno senza freni lanciato a tutta velocità sino a “Sufrimiento”, primo singolo scelto come colonna sonora di un videoclip a dir poco adrenalinico. L’intermezzo dell’album è affidato alla sesta traccia intitolata “La scala” e da qui in avanti sono montagne russe emozionali dalla già nota “Micidiale” (contenuta sul lato A del 7″ uscito nel 2016) sino alla ghost track “Al bar”.

>> Playlist su YouTube

Afterhours - Noi siamo Afterhours

30.01.2019

Docufilm "Noi siamo Afterhours" di Giorgio Testi + doppio CD live del concerto memorabile al Forum di Assago.

'Noi siamo Afterhours' é il docufilm che, prendendo spunto dal concerto sold out al Forum di Assago del 10 aprile scorso, racconta i 30 anni di storia della band guidata da Manuel Agnelli, dagli esordi in inglese alle tournée internazionali, dai cambi di formazione fino alla line up attuale.

Le immagini del concerto si alternano a quelle del passato in un racconto affidato all'io narrante di Manuel Agnelli che conduce lo spettatore in un viaggio intimo attraverso la musica di una band entrata nella storia del rock italiano.

>> Playlist su YouTube

Punkreas - Inequilibrio instabile

30.01.2019

A tre anni di distanza da 'Il lato ruvido' eccovi tredici brani che ben raccontano l'ottimo stato di salute della band. Contiene i 10 brani che componevano i 2 EP dell'ambizioso progetto 'Inequilibrio instabile' più tre brani inediti. Registrato e missato da Oliviero Olly Riva presso il Rocker Studio di Sesto San Giovanni e masterizzato da Francesco Brini presso lo Spectrum Studio di Bologna, è stato anticipato da ben 5 singoli: 'La verità', che contiene il prezioso feat. di Davide Toffolo (TARM), un brano dalle sonorità fortemente contaminate dalla cumbia e reinterpretata in reggae style dai Punkreas, 'Marta', un incredibile brano rock moderno tutto da saltare, 'Fermati e respira', 'Inequilibrio' e 'U-Soli' che son già diventati dei classici per fan nuovi e di vecchia data.

>> Video "La verità (feat. Davide Toffolo)"

>> Video "Marta"

O Zulù - Bassi per le masse

30.01.2019

L'album si muove su un doppio binario tematico: una critica spietata alla 'società (in)civile' propinata come modello unico, e la descrizione orgogliosa di un modello differente, agli antipodi di questa barbarie, di un altro modo di essere uomini, lavoratori, cittadini, padri, mariti e compagni. Un possibile e praticabile percorso 'altro' in questo mondo (im)possibile. Uno sguardo sul presente del nostro paese sclerotizzato tra la ricerca continua di finti nemici su cui inveire in un hate speech permanente e la dimensione critica relegata allo sfogatoio dei social network, "Bassi per le masse" segna una linea di demarcazione tra la miseria umana e politica italiana e chi invece non si rassegna a questa dimensione. Tra una citazione di "Pulp Fiction" di Tarantino e una di "Johnny Stecchino" di Benigni, Zulù descrive la quotidianità fatta di incomprensibili primatismi e la violenza sui corpi e sulle menti delle persone.

>> Video "Il traffico (feat. Valerio Jovine)"

>> Video "Parole armate (feat. Krikka Reggae)"

Frenetik & Orang3 - ZeroSei

30.01.2019

Dopo i singoli 'Interrail (feat. Carl Brava x Franco126)', 'Migliore di me (feat. Coez)' e 'Lucertole (feat. Gemello)' arriva l'album 'ZeroSei', interamente dedicato alla nuova scena romana.

>> Video "Interrail (feat. Carl Brave x Franco126)"

>> Audio "Giornate vuote (feat. Gemitaiz)"