Mannarino - Apriti cielo - Live

17.10.2017

Mannarino per la prima volta live! Dopo il successo di "Apriti cielo" che ha debuttato al 1° posto della classifica dei dischi più venduti fino ad ottenere la certificazione ORO, esce "Apriti cielo - Live" il primo album discografico dal vivo di Mannarino. Il doppio CD, registrato in giro per l’Italia durante l’estate celebra il fortunatissimo tour che ha totalizzato oltre 100.000 paganti. "Apriti cielo - Live" contiene le canzoni dell’ultimo album, i classici che lo hanno consacrato come uno dei più amati e apprezzati cantautori italiani, brani riarrangiati e l’inedito "Fatte bacià". Il fronte sonoro di questa produzione live è a dir poco impressionante: 11 musicisti polistrumentisti, con oltre 30 strumenti provenienti da tutto il mondo, hanno saputo esaltare le mille anime di Mannarino, un outsider nel panorama musicale italiano.

>> Facebook

>> Trailer

Niccolò Fabi - Diventi inventi 1997-2017

17.10.2017

"Diventi inventi 1997-2017" la raccolta su 2 CD che celebra il ventennale di carriera di Niccolò Fabi. Nel primo disco ci sono i successi del cantautore romano, interamente risuonati, raccolti e scelti con una filosofia che lui stesso ha descritto in un messaggio ai suoi fan via social network:

Per la raccolta dei venti anni di musica pubblicata mi sono rimesso a suonare un po' di canzoni vecchie. Non necessariamente le più belle. Non necessariamente quelle che sono piaciute di più. Forse solo quelle che in questo momento avrei suonato con più gusto in salotto per i miei amici. Il rapporto con le proprie canzoni è un rapporto complesso. Così come quello con i momenti o gli eventi che le hanno generate. Sono davvero fortunato a potere ancora scegliere di pubblicarle. Venti anni dopo nonostante tutto, grazie a tutto.

Il primo CD si chiude con "Diventi inventi", il singolo inedito già in rotazione in tutte le radio. Nel secondo disco troviamo invece rarità, brani demo e live che non mancheranno di raccogliere l’entusiasmo dei suoi fan.

>> Facebook

>> Video "Diventi inventi"

Giancarlo Onorato - Quantum

17.10.2017

E’ un'opera solenne e potente, policroma, luminosa e a tratti scurissima, incentrata sul tema dell'incontro. nel corso degli 11 brani che lo compongono, l'artista affronta il tema centrale dell'incontro: dall'incontro brutale tra creature diverse (Le belle cose), all'incontro iconografico e segreto della fecondazione (Niente di te), dall'erotismo più estremo (La norma dell'attesa), a quello soave e abbacinante del concepimento (Il passaggio), dall'unione che poi genera l'assenza (Scintillatori), all'apparizione luminosa (In grazia), dalla passione lubrica e furente per la donna-dea (Il barocco del tuo ventre), sino al passo dolente della separazione dalla vita (Primavera di Praga), e alla sublimazione dell'incontro con l'ignoto (Senza gravità).

In ciascun brano riecheggia il contatto, la fusione, e lo scontro tra ciò che è supernaturale e ciò che è materia. L'album, annunciato in sordina dal brano lirico “Cristo pornografico”, è densamente attraversato da un'anima di impianto rock, con una ritmica importante e impetuosa in dialogo sempre con le corde più interiori della voce di Onorato.

Insieme ad un nutrito numero di eccellenti musicisti, e prodotto dallo stesso Onorato e da Marco Giuradei, "Quantum" ha richiesto quasi tre anni di lavorazioni e snocciola uno strumentario vasto e articolato per portare un tassello denso di pathos e rinnovamento nella carriera dell'autore.

>> Facebook

>> Video "In grazia"

John De Leo / Fabrizio Puglisi - Sento doppio

17.10.2017

La sfida del duo è una delle più ardue e affascinanti del jazz. Le necessità ritmiche, il timore del vuoto sonoro, l’interazione messa a nudo, sono alcuni dei rischi calcolati che i due giocatori mettono in campo nel disegnare il discorso musicale. La sfida diventa ancora più affascinante se a condurla è la voce di John De Leo, figura chiave della musica italiana contemporanea, e oggi solista votato a sperimentare le infinite possibilità di una voce che può assumere contorni e colori nuovi che giungono dai mondi musicali più diversi. Da tempo De Leo incrocia le sue evocazioni con lo stile non meno eccentrico di Fabrizio Puglisi, che sa aprire squarci e abissi tra le maglie fitte del suo pianismo, capace anch’esso di piegarsi a colori inusuali con l’uso di oggetti e preparazioni varie nello strumento. Questo duo brilla come una delle realtà più sorprendenti e inclassificabili del jazz italiano, che punta a mettere in crisi qualche certezza matematica: 1+1 non sempre fa due, ma produce qualcosa di più.

>> Facebook John De Leo

Andrea Belfi - Ore

17.10.2017

La nuova etichetta discografica Float pubblica il nuovo album di Andrea Belfi "Ore". Andrea Belfi è italiano ma vive stabilmente a Berlino dove è riuscito ad inserirsi perfettamente nella scena musicale locale, suonando come batterista per i Nonkeen (la band di Nils Frahm) e aprendo il loro recente tour europeo. È un artista che riesce a conquistare il suo pubblico grazie a performance carismatiche ed energiche e, soprattutto, con i suoi assoli di batteria, divenuti il suo segno distintivo, e le sue improvvisazioni.

Questo nuovo progetto è un disco di percussioni, pura avanguardia musicale, composto da batteria ed elettronica che, insieme, riescono a creare un sound davvero unico nel suo genere. “Ore” non può non essere apprezzato da chiunque ami i suoni drone, neo-classici, industrial o prog.

>> Facebook

Eugenio Bennato - Da che Sud è Sud

17.10.2017

“Da che Sud è Sud” è il nuovo disco di inediti del cantautore Eugenio Bennato. Una raccolta di 12 brani, quasi pagine di un diario di viaggio in giro per il mondo, dall’America del Sud e del Nord all’Africa dei tamburi e delle carovane della disperazione e della speranza, al Mediterraneo degli scambi e delle barriere, all’Estremo Oriente del mistero e delle leggende. Ogni brano ha una sua storia e una sua identità, ma tutti sono accomunati dalla presenza, accanto a quella di Bennato, di una voce che fa risuonare la musicalità di una lingua diversa, dal francese all’inglese, dallo spagnolo al portoghese, ma anche dall’arabo, con una forte valenza ritmica ed evocativa.

>> Facebook

>> Video "No Logic Song"

Amari - Polverone

17.10.2017

Il polverone nasce polvere e tornerà ad essere polvere ma nel suo manifestarsi cambia tutte le regole del gioco; è un momento di rottura, il risultato di un grande movimento. Con "Polverone" gli Amari si focalizzano su questo brusco cambiamento di stato usandolo come un filtro per metabolizzare le piccole rivoluzioni esistenziali che hanno condizionato il loro vissuto negli ultimi 4 anni di silenzio dall’ultimo "Kilometri". Nascono così accurati quadretti esistenziali, nati nel trambusto di un trasloco, nella perdita di un amico che va a vivere in un’altra città oppure ritornando in luoghi vissuti nel passato ora completamente diversi da come ce li ricordavamo. Tutto questo polverone alla fin fine è entrato persino dentro la musica degli Amari e le nuove canzoni sembrano proprio portarsi dietro la povere di tutti i vinili campionati per crearle, la stessa polvere che sembra guidarle dall’inizio alla fine del disco. E’ musica che nasce per sedimentazione di suoni non intenzionali, una specie di scenografia misteriosa pronta ad essere popolata di storie e personaggi. "Polverone" è il ritorno sulle scene degli Amari ed è una nuova partenza in sgommata.

>> Facebook

>> Streaming

>> Video "Gatti di polvere"

D'Alì - Vostok

17.10.2017

"Vostok" è il nuovo disco dei D’Alì, prodotto per WIM/Goodfellas. Il titolo trae origine dal nome della prima missione dell’uomo nello spazio, il tema del viaggio è il filo comune che attraversa l’intera opera. Registrato e Mixato presso il db Recording Studio, il disco si avvale della produzione artistica di Eddy Olivieri.

In tutto l’album si respira un’aria vissuta. A volte tetra, dove si sente più marcato lo stile “dark” della new-wave e, allo stesso tempo, sono vive le sonorità “aperte” della stessa new-wave italiana, fatta da tastiere campionate e chitarre pulite, con assoli definiti e vincenti. Riferimenti, anche nella parte vocale, ai maestri che hanno scritto la storia di questo genere: da Battiato a Fiumani, e se vogliamo, anche un più recente Francesco Bianconi dei Baustelle, proprio per la sua marcata vicinanza alle melodie retrò italiane.

>> Facebook

>> Streaming

>> Video "Vostok-1"

Acqua Fragile - A New Chant

17.10.2017

La prestigiosa etichetta inglese Esoteric Antenna pubblica il nuovo album della leggendaria progressive rock band italiana Acqua Fragile, i pionieri di questo genere musicale negli anni ’70 insieme ai connazionali PFM, Banco del Mutuo Soccorso, Le Orme ed Area.

Per la realizzazione di “A New Chant”, i membri della formazione originale Piero Canavera (batteria), Franz Dondi (basso) ed il mitico Bernardo Lanzetti (voce) si sono riuniti dopo ben 44 anni, con la voglia di lanciarsi in un nuovo emozionante progetto. All’album hanno collaborato nomi importanti come i parolieri Pete Sinfield (che ha scritto testi per King Crimson, E.L.&P e PFM) e Nick Clabburn (che ha lavorato per Steve Hackett e Squackett), a fianco degli acclamati musicisti Tango Spleen e il batterista, vincitore di un Grammy, Jonathan Mover.

Le tracce contenute in questo disco ricordano con nostalgia lo stile degli storici album della band e possiedono una vitalità che si inserisce perfettamente nella scena progressive rock del nuovo millennio.

Riki - Mania

17.10.2017

Dopo aver esordito con “Perdo le parole”, album più venduto del 2017 e certificato triplo Disco di Platino in soli 5 mesi, Riki sorprende tutti pubblicando un nuovo progetto di inediti! “Mania”, questo il titolo dell’album pubblicato da Sony Music. Il singolo “Se parlassero di noi” è una ballad il cui testo è stato scritto da Riki e la musica a 4 mani con Riccardo Scirè - che ha seguito anche l’arrangiamento e la produzione musicale.

>> Facebook

Le Deva - 4

17.10.2017

Dopo il disco d’oro ottenuto con il primo hit single “L’amore merita” e il riscontro di pubblico su Spotify e YouTube con i primi 3 singoli che macinano milioni di stream e di views, Le Deva, unico gruppo al femminile italiano, sono pronte a raccontarsi attraverso il loro album d'esordio. Si intitola “4” con un chiaro riferimento a Laura Bono, Greta, Verdiana e Roberta Pompa che formano il quartetto, ma anche con un richiamo ai quattro elementi della natura - fuoco, acqua, terra, aria - nei quali le quattro ragazze si identificano.

>> Facebook

>> Video "Semplicemente io e te"

Vinili - Nuove uscite e ristampe

17.10.2017

Ecco una vasta scelta delle nuove uscite e ristampe in vinile degli artisti italiani. Molti dischi sono stati stampati in edizione limitata.

Roberto Saviano - Bacio feroce

13.10.2017

Prosegue il ciclo della "Paranza dei bambini" e Roberto Saviano torna a raccontare i ragazzi dei nostri giorni feroci, nati in una terra di assassini e assassinati, disillusi dalle promesse di un mondo che non concede niente, tantomeno a loro. Forti di fame. Forti di rabbia. Pronti a dare e ricevere baci che lasciano un sapore di sangue.

Non voglio il bacio sulla guancia che si prende l’affetto.
Non voglio il bacio sulle labbra che si prende l’amore.
Voglio il bacio feroce che si prende tutto.

Gianrico Carofiglio - Le tre del mattino

13.10.2017

Un padre e un figlio. La storia di un incontro che li cambierà per sempre. Un commovente romanzo di scoperte e formazione.

«E papà suonò da solo. Io non lo avrei confessato nemmeno a me stesso, ma ero orgoglioso e fiero di lui, e avrei voluto dire a chi mi stava vicino che il signore alto, magro, dall'aspetto elegante che era seduto al piano e sembrava molto piú giovane dei suoi cinquantun anni, era mio padre. Quando finí, inseguendo il senso di ciò che aveva suonato in due scale conclusive e malinconiche, scoppiò un applauso pieno di simpatia. E anch'io applaudii e continuai a farlo finché non fui sicuro che mi avesse visto, perché cominciavo a capire che esistono gli equivoci e non volevo che ce ne fossero in quel momento».

Marco Malvaldi - Negli occhi di chi guarda

13.10.2017

Nel cuore della Maremma toscana un autentico carosello di personaggi ruota attorno al Podere Pianetti, e ai suoi misteri: una contesa in famiglia, un quadro introvabile, un cadavere che emerge tra le sterpaglie di un incendio, e le capacità inventive di un narratore che intreccia magistralmente scienza arguzia e spirito toscano.

Claudia Endrigo - Sergio Endrigo, mio padre - Artista per caso

13.10.2017

“Un’estate fa sono tornata a Pantelleria, dopo più di quarant’anni. Ed è stato come se avessi rivisto mio padre là, in quel mare dove era stato felice e spensierato. Quel mare che era il nostro elemento naturale. Avevo bisogno di ripercorrere anche la mia vita attraverso la sua. Per questo era necessario immergermi nei ricordi, nelle testimonianze, nei racconti di quanti hanno conosciuto mio padre. Un viaggio unico, a volte doloroso, a volte bellissimo.”

Cristina Caboni - La rilegatrice di storie perdute

13.10.2017

Successo dopo successo, Cristina Caboni è diventata una delle autrici italiane più amate dalla stampa e dai lettori. Dopo "Il sentiero dei profumi" e "Il giardino dei fiori segreti", bestseller sempre in classifica, un nuovo romanzo sul potere dei libri. Grazie a loro due donne coraggiose, così lontane nel tempo, si incontrano diventando una la forza dell’altra, nella ricerca della libertà e di un futuro migliore.

Cristiano De Andrè - De Andrè canta De Andrè Vol.3

10.10.2017

Ecco il terzo capitolo del ciclo "De Andrè canta De Andrè". Il cantautore genovese reinterpreta nuovi brani del repertorio del padre.

>> Facebook

Giorgio Conte - Sconfinando

10.10.2017

“Sconfinando”, il nuovo album di Giorgio Conte, include 16 brani registrati con l’Orchestra sinfonica ‘Duchessa di Parma’: inediti e cover di suoi grandi successi autorali in precedenza interpretati da altri artisti (taluni scritti assieme al fratello Paolo) e qui riproposti in versione sinfonica.

Oltre al CD, il doppio vinile da 180gr. con la prestigiosa copertina appositamente disegnata da Ugo Nespolo con tavola interna in omaggio.

>> Facebook

Bobo Rondelli - Anime storte

10.10.2017

Rondelli continua a vivere la sua seconda giovinezza artistica e per comporre questo disco si fa ispirare dalla figura delle persone semplici dei giorni nostri, virtualmente ingolfati di amicizie social, ma realmente sempre più soli e alienati. Sarà proprio il singolo “Soli”, nelle radio a settembre, ad anticipare l’intero lavoro, seguito da un bellissimo video di Tommy Antonini. La produzione e gli arrangiamenti sono affidati alle sapienti mani di Andrea Appino (Zen Circus), nel disco anche la partecipazione di Bocephus King e Francesco Pellegrini (Zen Circus). (Fonte: Comunicato)

>> Facebook

>> Video "Soli"

Cesare Malfatti - Canzoni perse

10.10.2017

"Canzoni perse": è un album, inciso insieme a Chiara Castello (voci) e Stefano Giovannardi (synth e elettronica), in cui Cesare Malfatti ha mescolato acustica, sonorità cantautorali e suoni elettronici. Due scelte ulteriori hanno contribuito al carattere sonoro di questo album. La prima è stata quella di ricantare tutte le canzoni con Chiara Castello (I’m Not a Blonde) e allargare la sonorità vocale ad una presenza femminile in modo anche da proseguire l’esperienza live di “Una città esposta” (2015), e la seconda quella di far mixare tutto l’album a Mario Conte appassionato sperimentatore sempre all’avanguardia nella musica di ricerca. Mario Conte è uno dei produttori più interessanti in questo periodo in Italia (Colapesce, Antico, Christaux).

>> Facebook

>> Streaming

>> Video "45 giri"

Cristina Renzetti - Dieci lune

10.10.2017

Conosciuta in ambito jazzistico per la sua intensa attività live e con alle spalle una lunga carriera tra Italia e Brasile ricca di riconoscimenti come interprete e autrice di musica brasiliana, Cristina Renzetti con “Dieci lune” si presenta per la prima volta al pubblico italiano come cantautrice.

Dieci lune, nove mesi: in questo tempo, un pausa lunga e naturale, lontana dai ritmi frenetici che richiede la vita sociale e mediatica, c’è lo spazio per guardare intimamente ai legami di famiglia, alle prospettive, alle ombre del passato e insediarsi con tranquillità nel presente. Un universo intimo che racconta la generazione dei trentenni e le disilussioni degli amori giovanili.

Alla direzione musicale Enzo Pietropaoli, che ha lavorato su arrangiamenti scarni, affidando alla sensibilità di cinque meravigliosi musicisti il fluire della musica. Sono Federico Casagrande e Giancarlo Bianchetti alle chitarre, Francesco Ponticelli al basso, Alessandro Paternesi alla batteria, Fulvio Sigurtà alla tromba. Su questo tappeto sonoro la voce limpida di Cristina Renzetti, che trova nell’essenzialità e nella semplicità tutta la sua energia comunicativa.

>> Facebook

>> Streaming

Sergio Caputo & Francesco Baccini - Chewing Gum Blues

10.10.2017

Fino al 2016, Caputo e Baccini non si erano mai incontrati. Poi, è nata un’amicizia che ha generato nuova musica, e nuove strade per farla. Sulle orme dello swing e del blues, ma senza porsi barriere creative e stilistiche, i due hanno inventato un sound che è solo “il loro”, nel quale si può riconoscere l’impronta di ciascuno, pur restando qualcosa di unico e di originale. Due voci e due stili che si fondono con naturalezza, per creare un album che - dicono i due autori - “fra trent’anni la gente potrà ascoltare come fosse appena uscito”. Contiene i singoli: “Le notti senza fine” e “Chewing Gum Blues”. (Fonte: Edel)

>> Video "Le notti senza fine"

Roberto Durkovic - Il silenzio ascoltato

10.10.2017

Roberto Durkovic, cantautore pavese più volte segnalato dalla critica per la sua versatilità e innata originalità, si presenta al suo pubblico con questo nuovo CD, l’ottavo in vent’anni di una carriera sempre contraddistinta da un alto livello musicale e costante ricerca di nuove sonorità etniche dalle quali l’artista attinge, divenendo testimone di come culture diverse si possono intrecciare e arricchire reciprocamente.

Il nuovo album ha un titolo che fa riflettere: “Il silenzio ascoltato”. Con esso Durkovic ci vuole condurre in spazi senza tempo, dove il silenzio può essere interrotto da suoni semplici della nostra infanzia o melodie evocative di momenti felici.

L’ultimo lavoro del cantautore è arricchito da nuovi colori, caratterizzato da abbracci musicali che si intrecciano nello stesso brano passando dal tango romagnolo al tango argentino, dai Balcani al Medio Oriente, strizzando l’occhio alla rumba gitana per poi immergersi in calde sonorità latino americane e sfociare con reggae e country uniti a suggestive pennellate di jazz in un viaggio che, passando dal ludico che induce alla danza, si trasfonde in testi poetici e profondi più adatti all’ ascolto e alla riflessione.

>> Video "Le città sono uguali sotto la pioggia"

Pietropaoli / Mazzariello / Paternesi - The Princess

10.10.2017

Un crescendo di brani che testimoniano alcune fra le tante passioni musicali di una vita: da John Lennon a Bob Dylan, da Cole Porter a Peter Gabriel, da Neil Young ai Pearl Jam, per finire con i Beach Boys, il tutto intervallato da alcune composizioni originali di Pietropaoli.

"The Princess" è una di queste, solenne ma leggera, soave, femminile, la metafora di qualcosa che si è tanto atteso e che infine genera meraviglia e amore. Ci sono infatti voluti tempo e determinazione per realizzare questo lavoro che, non a caso, porta il nome del brano stesso.

La formazione è il “piano trio”, una delle più amate da Enzo Pietropaoli che, al contrabbasso, è affiancato da due straordinari musicisti: Julian Oliver Mazzariello al piano e Alessandro Paternesi alla batteria, che hanno contribuito a realizzare un clima denso, profondo e lieve allo stesso tempo.