Andrea Laszlo De Simone - Uomo donna

24.06.2017

“Uomo donna” è un disco unico e che vive di contrasti: c’è la canzone d’autore italiana, appunto, e la psichedelia, Battisti e i Radiohead, i Verdena e Modugno, l’influenza di quella che negli anni ’70 veniva chiamata Library music e un tocco post-moderno che lo rende nuovo anche nel suo essere volutamente classico. (Fonte: 42Records)

>> Facebook

>> Video "Vieni a salvarmi"

>> Disco della settimana su rockit.it

Lara Molino - Fòrte e gendìle

24.06.2017

“Fòrte e gendìle” è il nuovo lavoro di Lara Molino, cantautrice di San Salvo, Chieti, alla sua prima esperienza con la lingua abruzzese dopo una serie di pubblicazioni in ambito pop e molti concerti in Italia e all’estero (Spagna, Polonia, Canada). Il disco è stato prodotto artisticamente dal violinista e songwriter Michele Gazich per la sua etichetta FonoBisanzio e raccoglie dieci brani folk quasi tutti scritti da Lara insieme al padre e poeta Michele Molino, che interviene con la propria voce in alcuni passaggi della tracklist.

“Fòrte e gendìle” non è un disco per soli abruzzesi e come ogni album realmente folk ha la forza di parlare a quella parte di terra e radici che ognuno di noi si porta dietro nonostante tutto.

Oltre a Lara (voce, chitarra classica e acustica) troviamo artisti folk di primo piano come Michele Gazich (viola, violino), Marco Lamberti (chitarra acustica), Titti Castrini (fisarmonica) e Michele Molino (voce parlata). Il libretto contiene le traduzioni dei testi sia in italiano che in inglese.

"I dischi belli, quelli belli veramente, hanno un'anima. Questo di Lara Molino ha un'anima polverosa e soleggiata, di sagra e di tradizioni antiche, di quasi leggenda." (Michele Neri, Vinile)

"Dieci brani in quello stile popolaresco intimo e sentito che va incontro all’esigenza sempre più avvertita, da parte del pubblico dei concerti, di musiche e di contenuti sempre più genuini, profondi e sinceri." (Giovanni Graziano Manca, AgoraVox)

>> Facebook

>> Video "Lu fóche de San Tumasse"

Giovanni Sollima - A Clandestine Night in Rome

24.06.2017

Il 15 Aprile 2016 Giovanni Sollima e l’Orchestra Notturna Clandestina diretta da Enrico Melozzi si esibiscono in "A Clandestine Night in Rome", un concerto a cavallo fra i generi nel sorprendente spazio del Nuovo Cinema Palazzo nel Quartiere San Lorenzo. Questo album è la testimonianza di quella spettacolare serata, che fu bissata per intero permettendo a rotazione l’ingresso in sala alle migliaia di persone giunte da tutta Italia, grazie ai social e al passaparola.

>> Facebook

Ianva - Canone Europeo

24.06.2017

In questo nuovo, de/tonante full-length di Ianva il melodramma ottocentesco incontra i clangori da rivoluzione industriale. Chanson e Cabaret che risuonano con echi da cimitero monumentale, coadiuvati in questo giro da chi, di suggestioni decadenti, ha esperienza da vendere. (Fonte: Audioglobe)

>> Facebook

NicoNote - Emotional Cabaret

24.06.2017

Disponibile per l’etichetta Doc Live, “Emotional Cabaret”, l’evocativo nuovo disco di NicoNote alias Nicoletta Magalotti, cantante, autrice e performer (Violet Eves, Societas Raffaello Sanzio). È un album composto da 9 tracce, dal suono elettroacustico con alcune appendici elettroniche e industrial, contiene brani originali e rielaborazioni di brani celebri da Kurt Weill a Thelonious Monk a Robert Schumann, passando per la poesia di Friederich Hölderlin.

>> Facebook

Carl Brave x Franco126 - Polaroid

24.06.2017

“Polaroid” è la raccolta di 10 istantanee che fermano il frammento di una storia, un attimo che non tornerà mai più uguale a sè stesso, e proprio per questo fragile ed irripetibile. Sullo sfondo c’è sempre Roma, a “scattare” però non c’è una macchina fotografica, ma lo sguardo sincero di Carl Brave e Franco126, prima amici che musicisti, prima per strada che in studio. Nelle loro canzoni la città eterna esce dalla solita retorica in cui è intrappolata nell’immaginario collettivo, per vestire i panni di una metropoli contemporanea, cosmopolita, carica di contraddizioni e per questo ancor più poetica. Dieci pezzi scritti e prodotti in una mansarda trasteverina e poi pubblicati su youtube di getto, spinti dall’urgenza di dire e fare, immagini lampo della vita di tutti i giorni, piccoli dettagli e situazioni tra le cui trame si annida la magia del quotidiano. Come i vicoli del tredicesimo rione, così anche chitarre acustiche su batterie elettroniche si intrecciano in maniera armonica sulla stessa traccia. Auto-tune e sax, trap e hip-hop convivono in maniera unica e personale, come è unica e personale la via musicale che i due ragazzi dall’altra parte del tevere si stanno aprendo davanti al loro passaggio. (Fonte: Bomba Dischi)

>> Facebook

>> Streaming

>> Disco della settimana su rockit.it

Ketama126 - Oh Madonna

24.06.2017

Ketama126 è il nome d’arte di Piero Baldini, è un rapper e produttore romano. E’ membro della crew 126 fra Trastevere e Monteverde.  Il nuovo album è stato preceduto dai 3 video usciti nei mesi precedenti “Fiocco di neve”, “Dolcevita” e “Piccolo Kety".

>> Facebook

>> Video "Piccolo Kety"

St. Luca Spenish - Caput Mundi

24.06.2017

Il primo disco di Caput Mundi con oltre 15 rappers italiani, quali Nex Cassel, Dani Faiv, Nerone, Er Costa, Anagogia, Noyz Narcos ed altri. Oltre alle 18 tracce contenenti tutte le collaborazioni, il secondo disco racchiuderà tutte le strumentali. Luca Spenish, come molti producer statunitensi fanno di consuetudine, ha voluto dare la possibilità ad altri artisti di provare a rappare sulle sue basi, o di utilizzare i suoi beat per contest di freestyle o semplicemente per godersi il suo sound!

>> Facebook

>> Video "In riga (feat. Nerone)"

Vinili - Nuove uscite e ristampe

22.06.2017

Ecco una vasta scelta delle nuove uscite e ristampe in vinile degli artisti italiani. Molti dischi sono stati stampati in edizione limitata.

 

Sorelle - Stagione 1

22.06.2017

di Cinzia Th. Torrini

con Anna Valle, Giorgio Marchesi, Irene Ferri, Ana Caterina Morariu, Loretta Goggi

In 'Sorelle', Anna Valle interpreta Chiara, un brillante avvocato, single e senza figli, che vive a Roma ed è felice della sua indipendenza e dei suoi successi professionali. Nonostante non abbia buoni rapporti con la sua famiglia, decide di fare ritorno a Matera, la sua città d'origine, per far luce sulla scomparsa della sorella Elena, interpretata da Ana Caterina Morariu, e per star vicino ai suoi tre nipoti. Si troverà ad affrontare persone e segreti legati al suo passato, ma questo la porterà verso una nuova vita che mai avrebbe creduto possibile. Grande ritorno, anche in questa serie, quello di Loretta Goggi, nel ruolo di Antonia la madre di Chiara ed Elena. Il protagonista maschile è Giorgio Marchesi e nel cast, fra gli altri, troviamo Alessio Vassallo e Irene Ferri.

>> Facebook

Omicidio all'italiana

22.06.2017

di Maccio Capatonda

con Maccio Capatonda, Herbert Ballerina, Ivo Avido, Gigio Morra, Sabrina Ferilli

Uno strano omicidio sconvolge la vita sempre uguale di Acitrullo, sperduta localita dell'entroterra abruzzese. Quale occasione migliore per il sindaco e il suo vice per far uscire dall'anonimato il paesino? Oltre alle forze dell'ordine infatti, accorrerà sul posto una troupe del famigerato programma televisivo 'Chi l'acciso?', condotto da Donatella Spruzzone. Grazie alla trasmissione e all'astuzia del sindaco, Acitrullo diventerà in men che non si dica famosa come e ancor più di Cogne! Ma sarà un efferato crimine o un... omicidio a luci grosse?

>> Trailer

>> Facebook

Beata ignoranza

22.06.2017

di Massimiliano Bruno

con Marco Giallini, Alessandro Gassman, Valeria Bilello, Carolina Crescentini, Teresa Romagnoli

Ernesto (Marco Giallini) e Filippo (Alessandro Gassmann) hanno due personalità agli antipodi e un unico punto in comune: sono entrambi professori di liceo. Filippo è un allegro progressista, perennemente collegato al web. Ernesto è un severo conservatore, rigorosamente senza computer, tradizionalista anche con i suoi allievi. Un tempo erano 'migliori amici' ma uno scontro profondo e mai risolto li ha tenuti lontani, fino al giorno in cui si ritrovano fatalmente a insegnare nella stessa classe.

>> Trailer

>> Facebook

Vasco Rossi - XL - 40 anni di canzoni

20.06.2017

«Questo libro contiene tutte le canzoni di Vasco Rossi, dal 1977 a oggi, e in ordine sparso i suoi commenti, alcune sue riflessioni, le sue precisazioni, le sue idee. È una raccolta completa, quindi, ma è anche un prezioso documento per cogliere qualche sfumatura nuova. E in più c'è una sorpresa, un documento unico: la trascrizione integrale di un "Incontro con Vasco" del fan club sul tema di "Siamo solo noi". Dal palco a dietro una scrivania, Vasco professore per un giorno spiega, o meglio racconta, la genesi e il senso di quell'autentico inno generazionale. Leggerne qui le parole trascritte fedelmente è come sentirlo parlare dal vivo, c'è tutta l'atmosfera confidenziale di quel pomeriggio...» (dalla Prefazione)

Vasco Rossi / Michele Monina - Da rocker a rockstar

18.06.2017

Cosa ha portato Vasco Rossi dal provare con una band di amici in cantina a suonare nel più grande concerto a pagamento al mondo, a Modena? 40 anni di canzoni, 40 anni di live. 40 anni di vita, tra la via Emilia e il rock. Per voce dello stesso Vasco e attraverso la penna del critico musicale Michele Monina, questo libro mette uno dietro l'altro tutti questi anni, nel momento di passaggio da rocker a rockstar. Canzoni, album, tour, musicisti che lo hanno accompagnato, che si sono persi per strada, che lo hanno tradito e sono tornati al suo fianco: la fenomenologia di un provocatore.

Diego De Silva - Divorziare con stile

15.06.2017

Mentre vive, Vincenzo Malinconico cerca di capire come la pensa. Per questo discetta su tutto, benché nessuno lo preghi di farlo. Abilissimo nell'analizzare i problemi ma incapace di affrontarli, dotato di un'intelligenza inutile e di un umorismo autoimmune, si abbandona alla divagazione filosofica illuminandoci nell'attimo in cui ci fa saltare sulla sedia dal ridere. Malinconico, insomma, è la sua voce, che riduce ogni avventura a un racconto infinito, ricco di battute fulminanti e di digressioni pretestuose e sublimi. Puri gorgheggi dell'intelletto. Questa volta Vincenzo e la sua voce sono alle prese con due ordini di eventi: il risarcimento del naso di un suo quasi-zio, che in un pomeriggio piovoso è andato a schiantarsi contro la porta a vetri di un tabaccaio; e la causa di separazione di Veronica Starace Tarallo, sensualissima moglie del celebre (al contrario di Malinconico) avvocato Ugo Maria Starace Tarallo, accusata di tradimento virtuale commesso tramite messaggini, che Tarallo (cinico, ricco, spregiudicato e cafone) vorrebbe liquidare con due spiccioli. La Guerra dei Roses tra Veronica e Ugo coinvolgerà Vincenzo (appartenente da anni alla grande famiglia dei divorziati) molto, molto piú del previsto. E una cena con i vecchi compagni di scuola, quasi tutti divorziati, si trasformerà in uno psicodramma collettivo assolutamente esilarante. Perché la vita è fatta anche di separazioni ricorrenti, ma lo stile con cui ci separiamo dalle cose, il modo in cui le lasciamo e riprendiamo a vivere, è - forse - la migliore occasione per capire chi siamo. E non è detto che sia una bella scoperta.

Il commissario Montalbano - Undicesima Stagione

15.06.2017

Torna il commissario Montalbano con due nuovi episodi, intitolati "Il covo di vipere" e "Come voleva la prassi". È l'undicesima stagione della fortunata fiction di Rai 1 tratta dai romanzi di Andrea Camilleri.
 

Joe Barbieri - Origami

09.06.2017

Ad oltre due anni di distanza dal precedente “Cosmonauta da appartamento”, Joe Barbieri torna a sorpresa con un nuovo album di sfavillanti inediti dal titolo evocativo: “Origami”.

Joe Barbieri stesso ci racconta il suo nuovo progetto – sospeso tra canzone d'autore, jazz e musica popolare – con queste parole: “Negli origami (ovvero l'arte giapponese di piegare la carta fino a farla diventare, ad esempio, un fiore), da cui ho mutuato il titolo, convivono vulnerabilità e bellezza, rigore ed essenza, accettazione e cambiamento, densità e leggerezza. Ovvero quella perfezione di forma e di sostanza che sfugge, che fa male e che fa bene, e che mi ostino di ricercare, anche mediante questa mia nuova opera”.

Ascoltandolo, “Origami” può forse essere considerato il compendio del suono e della scrittura di Joe Barbieri, il capitolo nel quale il linguaggio dell'artista napoletano tocca la sua definitiva riconoscibile compiutezza.

Per registrare “Origami” si sono dati convegno molti virtuosi italiani del jazz: da Paolo Russo a Giuseppe Milici. Fino a Paolo Fresu, che duetta con Barbieri nella intensa “Rinascimento”.

>> Facebook

>> Video "Una tempesta in un bicchier d'acqua"

Remo Anzovino vs Roy Paci - Fight for Freedom - Tribute to Muhammad Alì

09.06.2017

“Fight for Freedom - Tribute to Muhammad Alì” è il nuovo progetto speciale di Remo Anzovino e Roy Paci compositore e pianista fra i più originali e visionari della nuova scena contemporanea il primo, musicista poliglotta, produttore geniale e trombettista dallo stile unico e inconfondibile il secondo dedicato al grande campione dei pesi massimi e figura di spicco della storia del Novecento. Dallo straordinario incontro fra Anzovino e Roy Paci sono nati 12 brani inediti che hanno fatto da colonna sonora originale al documentario “Da Clay ad Ali, la metamorfosi” diretto da Emanuela Audisio e andato in onda su Sky in prima tv lo scorso 17 gennaio, il giorno in cui il grande campione avrebbe compiuto 75 anni.

>> Video "I'm Not Leaving"

Musicultura 2017 - XXVIII Edizione

09.06.2017

In ventotto anni, Musicultura si è affermata come una delle rassegne musicali italiane più innovative. La volontà precisa di attingere alla creatività della musica “popolare” e “d’autore” senza sbarramenti di genere e senza criteri di esclusione che non siano quelli della qualità e della originalità, ha reso il Festival un punto di riferimento nazionale per pubblico, addetti ai lavori e, soprattutto, musicisti emergenti che trovano nel concorso un’occasione di ascolto autentica e un banco di prova civile e trasparente.

Settecentosettantuno sono stati gli artisti che si sono iscritti al bando per la XXVIII edizione del Festival e fra questi, dopo una lunga fase di ascolto, passata anche attraverso delle audizioni dal vivo, Musicultura ne ha selezionati sedici, le cui canzoni sono entrate a far parte di questo CD compilation. I sedici artisti finalisti, singoli o gruppi che siano, sono tutti autori di ciò che interpretano. Con approcci compositivi ed espressivi diversissimi tra loro, sono rappresentativi del fermento culturale di un’Italia che, alla mensa della canzone, non si accontenta di cibi consolatori. I loro brani raccontano la complessità della vita con poesia, ironia, ampiezza di vedute e di lessico, freschezza melodica, ricchezza armonica; sono canzoni che non accendono a bacchetta emozioni di superficie, si tuffano nella profondità dei sentimenti, dove non si tocca e si scopre il brivido di sentirsi vulnerabili.

>> Facebook

Enzo Avitabile - Indivisibili

09.06.2017

La colonna sonora di Enzo Avitabile del film "Indivisibili" di Edoardo De Angelis. Il brano "Abbi pietà di noi" ha vinto il David di Donatello 2017 come Miglior Canzone Originale.

>> Facebook

Brusco - Guacamole

09.06.2017

Brusco è tornato più ispirato che mai, ‘Guacamole’ è album un disco dalle molteplicipi sfumature e sonorità. Il reggae dancehall la fa da padrone ma all’interno del nuovo album trovano spazio più generi e temi.

‘Guacamole’ è stato autoprodotto da Brusco stesso e realizzato con il contributo insostituibile di Ulisse Minati e Emiliano Rubbi. Alle registrazioni del disco hanno preso parte Andrea Ra, Diego Castaldi, Alessandro Inolti, Francesco Fioravanti, Pierfrancesco Cacace e Ulisse Minati, anche arrangiatore di tutti i brani. Completano la squadra di guest e musicisti Julia Lenti, Viola Inna Cantina e Janine Deberti.

>> Facebook

>> Audio "Una bella giornata come oggi"

Après la Classe - Circo Manicomio

09.06.2017

Torna la band di girovaghi Après la Classe, nella veste, questa volta, di una compagnia circense d’altri tempi. Di qui, il titolo del loro nuovo disco di inediti, “Circo Manicomio”.

Quattordici tracce all'insegna della condivisione e della voglia di vivere, tradotte in musica da ritmi latini e in canto dal raggamuffin. I temi sociali non mancano, ma il punto di vista degli Après la Classe rimane solare: se mettono in risalto le problematiche quotidiane, lo fanno comunque con il sorriso.

Le quattro lingue presenti nel disco - italiano, salentino, francese e spagnolo – si intrecciano in nuove soluzioni, creando un sound internazionale e decisamente originale, da sempre punto di forza dei dischi e degli spettacoli live della band.

>> Facebook

>> Video "El presidente"

Smetto quando voglio - Masterclass

09.06.2017

di Sydney Sibilia

con Edoardo Leo, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Libero De Rienzo, Stefano Fresi

La banda dei ricercatori è tornata. Anzi, non è mai andata via. Se per sopravvivere Pietro Zinni e i suoi colleghi avevano lavorato alla creazione di una straordinaria droga legale diventando poi dei criminali, adesso è proprio la legge ad aver bisogno di loro. Sarà infatti l’ispettore Paola Coletti a chiedere al detenuto Zinni di rimettere su la banda, creando una task force al suo servizio che entri in azione e fermi il dilagare delle smart drugs. Agire nell’ombra per ottenere la fedina penale pulita: questo è il patto. Il neurobiologo, il chimico, l'economista, l'archeologo, l’antropologo e i latinisti si ritroveranno loro malgrado dall’altra parte della barricata, ma per portare a termine questa nuova missione dovranno rinforzarsi, riportando in Italia nuove reclute tra i tanti 'cervelli in fuga' scappati all’estero. La banda criminale più colta di sempre si troverà ad affrontare molteplici imprevisti e nemici sempre più cattivi tra incidenti, inseguimenti, esplosioni, assalti e rocambolesche situazioni come al solito… 'stupefacenti'.

"Intelligente ed esilarante" (The Huffington Post)

"Spettacolare e irresistibile" (Il Messaggero)

"Lo sfacciato talento di Sydney Sibilia" (Il Fatto Quotidiano)

>> Trailer

>> Facebook

Enrico Ruggeri - Sono stato più cattivo

07.06.2017

La prima autobiografia di Ruggeri, cantautore controcorrente e punk che ha saputo vincere due volte il festival di Sanremo.

Londra 1975, il primo viaggio di tre diciottenni nella capitale della musica, la città di David Bowie, degli Who, la terra dell’appena nato punk. Dopo un giorno tra Piccadilly Circus e King’s Cross, i tre amici si ritrovano in discoteca. Uno dei tre a fine serata balla un lento con una ragazza, con cui prova a intavolare una conversazione in un inglese stentato. Poi la frase “I am a musician. Maybe one day someone will dance with one of my songs”. E la risposta secca di lei: “I don’t think so”.

Comincia così, con questo episodio ironico e paradossale, il racconto autobiografico di uno dei più amati cantautori italiani di sempre. Poi si fa un passo indietro, verso l’infanzia solitaria, con un padre depresso e fascinoso che ha dilapidato il patrimonio familiare, nell’abbraccio dolce e opprimente della madre e due zie iperprotettive, che gli trasmettono una passione per gli eroi sconfitti. E ancora l’incontro con la musica, sotto forma di 45 giri mandati in loop, e l’idea di dedicarvi la propria vita.

In occasione del suo sessantesimo compleanno, per la prima volta Enrico Ruggeri si racconta in un memoir letterario che ripercorre passo dopo passo la sua vita, con i fallimenti, i successi, le cadute, le rinascite.

Amir Issaa - Vivo per questo

07.06.2017

Scena prima: Roma. Notte fonda. Un bambino dorme vicino a sua sorella maggiore quando arrivano la polizia e l’ufficiale giudiziario per lo sfratto esecutivo. Lei si chiama Fatima, lui Amir. “Ho dieci anni, stringo il mio fagotto di vestiti e mi vergogno. In strada, di notte. E adesso?”

“Vivo per questo” è un viaggio trascinante in una Babele metropolitana di colori, culture, suoni e voci. È la storia di un bambino e di una famiglia sempre in bilico sull’orlo della legalità. Una storia che parte veloce su una tavola da skate, correndo sui marciapiedi di Tor Pignattara inseguita da negozianti inferociti, con Roberto detto Kyashan e Napoleone, amici inseparabili. Una storia che segue le movenze irresistibili della breakdance con Crash Kid, amico e mito scomparso troppo presto. Una storia che attraversa le scorribande del writing, anima nera della street art: la ricerca di un codice, le crew di quartiere, i tag per riconoscersi e sentire di esistere. Una storia che si carica con l’energia della hip house per poi scivolare nel rap, l’isola del tesoro, il collettivo Rome Zoo e piazzale Flaminio, la casa da abitare, il ritmo da cui farsi travolgere.

In una escalation di incontri, esperienze ed emozioni, Amir Issaa ha scritto un libro che non è l’autobiografia rituale di un artista ma è soprattutto un ritratto generazionale. Un romanzo hip hop di iniziazione alla vita con decine di personaggi e una controcultura travolgente: una terra promessa che ha liberato tante adolescenze difficili dalle vertigini del caos.