Sono stato più cattivo  Novità  Mondadori
cover of article Reparto: Biografie, Musica

Descrizione

La prima autobiografia di Ruggeri, cantautore controcorrente e punk che ha saputo vincere due volte il festival di Sanremo.

Londra 1975, il primo viaggio di tre diciottenni nella capitale della musica, la città di David Bowie, degli Who, la terra dell’appena nato punk. Dopo un giorno tra Piccadilly Circus e King’s Cross, i tre amici si ritrovano in discoteca. Uno dei tre a fine serata balla un lento con una ragazza, con cui prova a intavolare una conversazione in un inglese stentato. Poi la frase “I am a musician. Maybe one day someone will dance with one of my songs”. E la risposta secca di lei: “I don’t think so”.

Comincia così, con questo episodio ironico e paradossale, il racconto autobiografico di uno dei più amati cantautori italiani di sempre. Poi si fa un passo indietro, verso l’infanzia solitaria, con un padre depresso e fascinoso che ha dilapidato il patrimonio familiare, nell’abbraccio dolce e opprimente della madre e due zie iperprotettive, che gli trasmettono una passione per gli eroi sconfitti. E ancora l’incontro con la musica, sotto forma di 45 giri mandati in loop, e l’idea di dedicarvi la propria vita.

In occasione del suo sessantesimo compleanno, per la prima volta Enrico Ruggeri si racconta in un memoir letterario che ripercorre passo dopo passo la sua vita, con i fallimenti, i successi, le cadute, le rinascite.
WG Image Book USD 35.50

Condividere

Links

-

Dettagli/Note

Collana: Omnibus / Formato: Rilegato / Pagine: 200