(Dis)Amore Alabianca
cover of article Genere: Pop
1.Le spalle nell'abbraccio
2.Le regole dell'attrazione
3.Ti stavo lontano
4.Mostrami una donna
5.La nuda proprietà
6.Regime alimentare
7.Le sigarette dopo il sesso
8.Il ragù
9.Chi conosci davvero
10.Il paradiso degli amanti
11.Non farlo
12.Silenzio
13.Taxi taxi
14.L'inesorabile
15.Lasciarsi a metà
16.Conta su di me
17.Le nostre canzoni
18.Come i ladri
19.La sindrome del criceto
20.Temporaneamente
21.Dieci fazzolettini
22.Io mi domando se eravamo noi
23.Le assenze

WG Image CD CHF 23.70

Note

23 i brani che compongono questo ‘concept album’ che si può definire come stratificato, concettuale, variegato, ma che in realtà si sviluppa attraverso il racconto di una storia d’amore. E di disamore.

Due persone che si conoscono, diventano intime, s’innamorano e stabiliscono una relazione affettiva fortissima. Il tempo passa e la relazione - complici le mille distrazioni dentro e fuori il mondo attorno - cambia pelle e porta i due ad allontanarsi sempre più fino a non riconoscersi.

La storia è raccontata con le canzoni che fanno da commento alle varie fasi del rapporto. La scoperta, l’innamoramento, la pienezza della condivisione, il consolidamento, i primi dubbi, le bugie, i silenzi, la distanza, il dolore, le assenze.

(Dis)amore può sembrare un disco “sotto prodotto” (inteso come contrario di “over produced”).

I Perturbazione hanno pensato che questa fosse la direzione giusta quando hanno cominciato a dargli forma. Lontano dalla loudness war, la guerra del volume odierna. È un disco che parla sottovoce, ma con fermezza. Ha per lo più il gusto della sala prove, ed è una scelta. La band è convinta che la forma sia oramai parte della sostanza. Spesso nella prima ci si trova più “vita” che nella seconda e, siccome questo è un disco che vuole raccontare la vita, i Perturbazione ritengono che questa strada sia la più idonea e interessante, che questa forma sia la più aderente alla sostanza.