Trema la terra Al-Kemi Records
cover of article Genere: Ethno, Folk, Siciliano
1.Trema la terra
2.Pancali cucina
3.Nun n'aiu sonnu
4.Pani e cipudda
5.Rijanedda
6.Menza sira
7.Lettu letu
8.Vendemmia
9.Me figghiu

WG Image CD CHF 24.30

Note

Il “dindondìo” di ciancianedde, campanacci e sonagli che fa da collante tra i nove brani di "Trema la terra" ci conducono nel mondo bucolico nel quale Alfio Antico ritrova quell'armonia che manca alla società odierna. Di quel mondo l'artista lentinese conservala saggezza dell'anziano, che trae dai proverbi lezioni di vita. […]. La genuinità e l'ingenuità dell’adolescente, che ancora si stupisce e si emoziona. La curiosità e il coraggio dell'adulto, che portano a nuove conoscenze, ad ardite imprese.

L'istinto e la carnalità dell'animale. Il virtuosismo e la destrezza del genio…. Ma Alfio Antico non è soltanto l'ultimo aedo di una cultura popolare, è la cultura popolare! È la "radica" di una cultura ancestrale, le cui origini si perdono nel tempo. Ancestrale e, nello stesso tempo, futurista. Selvaggio e poetico, acustico ed elettronico, tradizionale e sperimentale, colto e popolare, tragico e comico, teatrale e musicale, bucolico e spettrale, minimale e sontuoso. Così appare Alfio Antico in questo album, nel quale tammurriate e tarantelle s'intrecciano con Nick Cave, Battiato, Tom Waits, Quentin Tarantino, punk e bluegrass.

E il modo di cantare - una sorta di arcaico impasto metafonetico tra gergo pastorizio e lentinese, racconti mitologici, suoni e rumori della natura - è «sicilian rap», come lo ha definito Gino Robair, il collaboratore di Tom Waits, Terry Riley e John Zorn, che ha partecipato alla realizzazione dell’album.

È Alfio Antico, il "tamburo parlante".