Punk-Autoriale - Dal Punk alla canzone d'autore in una sola mossa (Vinile)  Novità  Cenacolo di Ares
cover of article Genere: Musica d'autore, Punk
Tracklist non disponibile

WG Image LP CHF 36.70

Links

>> Facebook

Note

Dopo l’avventura con il Nuovo Cantacronache, Igor Lampis “StravyPaz” torna al punk, suo primo amore, passando dalla canzone d’autore in una sola mossa, come recita il sottotitolo del suo nuovo lavoro "Punk-Autoriale". Felice neologismo che segna una nuova tappa del suo percorso artistico, orgogliosamente targato 2020, come a marcare una resistenza culturale che continua a creare, coraggiosamente, anche in questi tempi funesti. Undici tracce che coinvolgono artisti isolani e non in un disco variegato, non solo nello stile ma anche nelle collaborazioni: Pasquale Posadinu, Quilo, Dandy Bestia (Skiantos), Fabio Marras, Max Viani, Giacomo Zucca, Nicola Pisu, Steve Minnei, Luca Ricatti, Mireille Safa, Beppe Chierici e perfino nei musicisti assoldati: Luca Veroni, Raffaele Cuomo, Fabio Perria, Stefano Mura, Lorenzo Veroni, Gianni Palmas, Michele Uccheddu, Claudio Kalb. Un disco quasi collettivo, perché c’è sempre più bisogno di fare rete e di mettere in contatto gli artisti, le menti creative, per dar vita a cose nuove, belle e stimolanti per tutti, senza inutili egoismi e vani personalismi. I temi trattati sono quelli a cui ci ha abituato la penna tagliente di Igor StravyPaz, i tempi moderni, le bassezze umane, la stupidità dilagante e la massificazione spersonalizzante, sempre irriverenti, pungenti, ironici e beffardi, con anche qualche nota più dolce e sentimentale nelle ballate inserite in questo nuovo disco.

Tempi funesti si diceva, tempi nei quali sembrano sfuggire di mano le poche cose veramente importanti per la vita dell’uomo, in favore di inutili futilità superficiali, con anche qualche ombra distopica che sembra addensarsi all’orizzonte, ma nei quali la forza artistica, la creatività innovativa sa ancora erigere barriere culturali, capaci di resistere anche alla più volgare delle aggressioni.

Ivo Murgia