Semiramis 2024
La fine non esiste VM
cover of article Genere: Progressive
1.In quel secondo regno
2.Cacciatore di ansie
3.Donna dalle ali d'acciaio
4.Non chiedere a un Dio
5.Tenda rossa
6.Sua Maestà il cuore

WG Image CD CHF 22.90

Links

-

Note

Dopo oltre 50 anni dall'uscita del primo LP "Dedicato a Frazz" esce finalmente il secondo e attesissimo album dei Semiramis "La fine non esiste"!

Grazie alla determinazione del fondatore Paolo Faenza, intenzionato a portare avanti l’esperienza di reunion già condivisa dal 2014 con i compagni di una vita, in particolare Maurizio Zarrillo e Giampiero Artegiani, il nuovo lavoro è stato inciso da una formazione rinnovata, composta da valenti musicisti provenienti dall’ambiente del progressive rock romano.

Nella formazione troviamo:
Paolo Faenza – batteria, vibrafono
Ivo Mileto – basso
Emanuele Barco – chitarre elettriche
Marco Palma – chitarre acustiche
Giovanni Barco – voce
Daniele Sorrenti – tastiere, organi, synth, flauto traverso

“La fine non esiste” si compone di 6 tracce inedite, cantate in italiano, caratterizzate da un sound moderno ma che si pone comunque in continuità con l’album d’esordio. Sono presenti infatti tutti gli strumenti che caratterizzano il background dei Semiramis, come tastiere, moog, flauto, chitarre acustiche ed elettriche, vibrafono, che danno vita a composizioni di ampio respiro, supportate da arrangiamenti ricchi e vivaci, decisamente “Prog Rock”.

Questo nuovo lavoro, a differenza di “Dedicato a Frazz”, non è un concept album. I testi infatti non sono legati da un unico filo narrativo, ma ciascun brano racconta storie di differenti personaggi, reali e non. Musicalmente il disco è ricco di melodie tipiche Semiramis, nelle quali il progressive è sempre incalzante. Fanno da cornice cambi ritmici e arrangiamenti che rasentano l’hard rock. La band ha voluto fare un omaggio a sé stessa facendo emergere il timbro Semiramis!

“La fine non esiste” è un inno alla capacità di andare oltre, di superare i confini di ciò che è considerato possibile, normale, giusto. Una scintilla, geniale e folle allo stesso tempo, che permette all’individuo di fare un passo in avanti, piccolo o grande che sia. Un passo che aumenta la consapevolezza collettiva, utile ad affrontare i cambiamenti radicali di una società forsennata. Superare i confini comporta un sacrificio, una rinuncia, uno sforzo che possono essere concepiti solo da chi guarda realmente dentro di sé, illuminando i mille universi che albergano dentro ciascuno di noi.

Edizione in CD digipack.